Come fustellare e sagomare un adesivo in pvc

Lo scopo di fustellare e sagomare un adesivo in pvc è quello di ottenere la forma personalizzata, dando così all’adesivo la forma che si vuole ottenere.
Si realizzano anche gli adesivi a mezzo taglio che seguono il contorno del logo e del disegno, facili da applicare ma soprattutto sono ideali per entrare a far parte della memoria collettiva dei clienti ed essere facilmente associati all’attività e al servizio che si offre.
Gli adesivi a mezzo taglio, ad esempio, vengono realizzati con un leggero spazio attorno, di fatto lo scopo è quello di inserire un messaggio personale durante la distribuzione. Si attaccano facilmente, come gli adesivi con fustellatura a taglio completo in grado di dare un effetto davvero molto sorprendente!
Quando si ha la necessità di stampare i propri adesivi con forma personalizzata, sagomati e fustellati, magari con il proprio logo e/o un’immagine divertente, allora si ricorre alla fustellatura a taglio completo.
Gli adesivi sono molto durevoli e resistenti, non temono le intemperie ed i raggi UV. Grazie alla moderna tecnologia è possibile anche vedere subito la forma del proprio adesivo, che deve essere semplicemente staccato ed incollato nel luogo più adatto.

Cos’è la fustellatura?

Si parla di fustellatura in riferimento ad un processo che viene utilizzato per tagliare il materiale (adesivo), nella forma precisa.
Questo “metodo di taglio” nacque nel XXI° secolo ed oggi viene utilizzato in tipografia per tagliare i stampati secondo specifiche esigenze, tracciando linee spezzate o curve, bordi speciali, finestre, ecc. Grazie ad un nastro in acciaio si determina una specifica forma e si creano linee piega che servono per aprire facilmente la pateletta, ecc.

Come si realizza la fustella?

Il processo lo troviamo descritto nel dettaglio su Wikipedia: “A livello industriale, il processo di produzione prevede un disegno CAD dello sviluppo dell’oggetto che si vuole produrre (es. scatola). Il file del disegno viene inviato al laser che si occupa di tagliare il foglio di legno multistrato definendone il formato esterno e la sagoma con il taglio e la piega. Lo stesso file viene inviato anche a una o più macchine sempre gestite con il linguaggio CAD che da una bobina di lama/cordone realizza i tagli a misura le sagome, curvando la lama e realizzando inferiormente dei ponticelli (corrispondenti a delle interruzioni del taglio laser per mantenere il legno come un unico blocco). Tutti questi elementi in acciaio vengono poi inseriti da un operatore nel legno con attrezzi appropriati in quanto il taglio laser permette una precisione tale da rendere una certa interferenza tra la lama e il legno impedendone la fuoriuscita in fase di fustellatura. In seguito vengono incollate delle strisce di gomma ai lati della lama in modo che il materiale che verrà tagliato non resti incastrato alla fustella ma venga respinto. Il risultato è una sorta di stampo che, appoggiato sul foglio di carta, può tagliare la sagoma definita.”

Comments are closed.

© 2015