Convenzioni termali Inail: come funzionano e chi può accedervi

termeIl suggerimento dell’Inail è proprio quello di recuperare la salute, mediante le convenzioni termali Inail, non solo ai fini terapeutici, ma anche preventivi e riabilitativi.

L’INAIL, in collaborazione con Federterme nel biennio 99-2000, ha effettuato una sperimentazione clinica di cure fisioterapiche, destinate agli infortunati sul lavoro affetti da eventi traumatici, durante il periodo di inabilità temporanea assoluta, da praticarsi alle Terme. Proprio grazie a questa sperimentazione, sono stati trattati oltre 3.500 casi, e si è evidenziato il recupero della quota massima recuperabile.

Perchè l’ambiente termale è particolarmente idoneo alla riabilitazione?

L’ambiente termale è particolarmente idoneo alla riabilitazione in quanto utilizza come mezzo terapeutico l’acqua e contribuisce ad accelerare questo processo di miglioramento delle proprie funzioni.

Dall’esperienza INAIL emerge che le prestazioni riabilitative qualitativamente idonee, determinano sia la riduzione del periodo di inabilità temporanea assoluta, sia la risoluzione dei postumi.

La riabilitazione si deve pertanto considerare come un ulteriore passo per il raggiungimento della tutela globale.

Perchè proprio l’acqua termale?

Perchè l’acqua termale, ma nello specifico proprio l’ambiente delle terme, è particolarmente idoneo alla riabilitazione. L’acqua termale viene infatti utilizzata come mezzo terapeutico e contribuisce ad accelerare il processo di miglioramento delle proprie funzioni. Il recupero si ottiene attraverso l’acqua termale ma anche attraverso l’esercizio terapeutico in acqua, il massaggio idrico, i fanghi, bagni vasche attrezzate con ausili specifici, percorso vascolare etc..
Grazie proprio alla terapia termale si sfruttano le proprietà fisiche del calore, il galleggiamento, la pressione, con effetti di riduzione del dolore e della sofferenza e un movimento più facile dell’arto lesionato.

Chi ha diritto alla prestazione Inail?

  • Lavoratori infortunati o affetti da malattia professionale, durante il periodo di INABILITA’ TEMPORANEA ASSOLUTA
  • Titolari di rendita per i quali non sia scaduto l’ultimo tempo di revisione.
  • Malati di silicosi o di asbestosi senza limiti di tempo.

Come si ottiene la prescrizione?

E’ l’interessato alle cure che deve presentare la relativa richiesta corredata da un certificato medico che attesti la menomazione e il tipo di cura termale indicata, nonché la tipologia di acqua termale.  
Il medico dell’INAIL accerta che le terapie richieste siano concesse a norma di legge e qualora lo giudichi utile ai fini curativi, dispone l’effettuazione di controlli e accertamenti specialistici.

Quanto dura la prestazione?
Il ciclo di cura ha una durata di 15 giorni (12 di cure più 3 di viaggio).

Cicli di cure fondamentali per forme reumoartropatiche (1 ciclo=12 cure) e cure accessorie:

  • Fanghi più bagni di annettamento
  • Fanghi e bagni terapeutici
  • Bagni Terapeutici
  • Stufe o Grotte
  • Cure accessorie (massimo 18 cure) tra:
  • Idromassaggi
  • Inalazioni
  • Aerosol o docce nasali
  • Irrigazioni vaginali
  • Marconiterapia
  • Radarterapia
  • Ultrasuonoterapia

Ciclo di cure fondamentali per forme broncosmatiche (1 ciclo=36 cure) e cure accessorie:

  • 12 Inalazioni 12 Aerosol 12 nebulizzazioni o polverizzazioni

Cure accessorie (massimo 12 cure) tra:

Docce nasali

Ventilazioni Polmonari

Irrigazioni vaginali

Marconiterapia

Radarterapia

Ultrasuonoterapia

Le Terme convenzionate con l’INAIL

Terme di Salsomaggiore

Terme di Tabiano

C. Termale Il Baistrocchi

Terme di Monticelli

Terme di S. Andrea

Terme della Salvarola

Terme di Porretta

Terme Felsinee

Terme di Castel S. Pietro

Terme di Riolo

Terme di Castrocaro

Grand Hotel Terme della Fratta

Roséo Hotel Euroterme

Hotel delle Terme S. Agnese

Grand Hotel Terme Roseo

Terme di Punta Marina

Terme di Cervia

Riminiterme

Riccione Terme

Comments are closed.

© 2015